lunedì 1 dicembre 2014

Calcolo delle detrazioni d’imposta (Irpef) per redditi di lavoro dipendente e assimilato

Per prima cosa occorre conoscere il reddito complessivo del lavoratore nell’anno che comprende tutti i redditi provenienti dai vari rapporti di lavoro avuti durante l’anno più eventuali altri redditi.
A questo reddito complessivo va sottratto il reddito dell’abitazione principale che si può ricavare dalla dichiarazione dei redditi.
A questo punto si ha il reddito utile per il calcolo delle detrazioni d’imposta Irpef per lavoro dipendente.
Esistono tre formule di calcolo, a seconda del reddito utile del lavoratore (che chiameremo RU):
- se ha un reddito inferiore a 8.000 euro annui, la detrazione d’imposta Irpef fissa è pari a 1.880 euro,
- se ha un reddito compreso tra 8.000 e 28.000 euro annui, la detrazione d’imposta Irpef è pari a
978+902*(28.000-RU)/20.000
- se ha un reddito compreso tra 28.000 e 55.000 euro annui, la detrazione d’imposta Irpef è pari a
978*(55.000-RU)/27.000
A questa cifra va aggiunto il bonus dei cosiddetti "80 euro" in busta paga del decreto "Renzi".
(Clicca qui per vedere a chi spetta il bonus Renzi dei cosiddetti "80 euro")
(Clicca qui per vedere come si calcola il bonus Renzi dei cosiddetti "80 euro")
Non spetta alcuna detrazione d’imposta Irpef per lavoro dipendente a chi ha un reddito superiore a 55.000 euro annui.
Per chi non lavora tutto l’anno, la detrazione d’imposta Irpef non spetta per intero, ma va riproporzionata secondo la durata dei contratti (espressa in giorni di calendario).
Comunque la detrazione effettivamente spettante per i redditi al di sotto degli 8.000 euro annui non può essere inferiore a 690 euro, elevati a 1.380 euro per i lavoratori con contratti a termine.

(Post modificato in seguito all'aggiornamento della normativa)

60 commenti:

  1. cosa si intende per RU?

    RispondiElimina
  2. RU è il reddito utile per il calcolo delle detrazioni e si ottiene sottraendo il reddito dell'abitazione principale dal reddito complessivo

    RispondiElimina
  3. Non capisco ma cosa si intende con il termine "reddito dell'abitazione principale ?". La mia abitazione principale non genera alcun reddito, semmai genera delle spese legate a manutenzione.

    RispondiElimina
  4. Tutti gli immobili sono considerati per legge produttivi di reddito e, pertanto, tassati sulla base della rendita catastale.
    Sull'abitazione principale esiste un particolare regime di agevolazioni che escludono quasi del tutto la tassazione.
    Per quanto riguarda le detrazioni, il reddito dell'abitazione principale non fa parte del reddito utile al calcolo delle stesse, aumentando di fatto la detrazione e, quindi, abbassando l'imposta.

    RispondiElimina
  5. ma un contratto a progetto è compreso nella definizione di LAVORO DIPENDENTE?

    Grazie

    RispondiElimina
  6. Il contratto a progetto NON è lavoro dipendente.
    Tuttavia dal punto di vista fiscale le collaborazioni (a progetto o meno) sono assimilate al lavoro dipendente, pertanto tutto ciò che riguarda l'Irpef dei dipendenti è applicabile anche ai collaboratori.

    RispondiElimina
  7. io sono stata licenziata a Luglio. Da marzo risultava che lavorassi part time.. ora sono in mobilità e mi vengono detratti 118 euro e rotti per detrazioni Irpef... non ho dichiarato alcuna esenzione sul modello Inps MV10.. ho fatto bene?Il mio commercialista mi ha detto che non mi spettavano

    RispondiElimina
  8. Il tuo commercialista ha sicuramente valutato la tua situazione personale consigliandoti per il meglio. Tieni presente che qualunque eventuale "errore" può essere corretto sulla prossima dichiarazione dei redditi.

    RispondiElimina
  9. Salve,
    attualmente ho un contratto a t. pieno ma da gennaio per esigenze interne all'azienda mi hanno proposto due rapporti part time al 50%.
    Come posso gestire le detrazioni? ho un figlio a carico di età inferiore ai 3 anni, so che devono essere messe su uno dei due rapporti, quindi ci perderò rispetto a quello che mi spetta adesso?


    Grazie

    RispondiElimina
  10. Ad ognuno dei 2 nuovi datori di lavoro dovrà dichiarare che percepisce un reddito dall'altro datore di lavoro (indicando anche la cifra presuntiva di tale reddito) e che intende usufruire delle detrazioni d'imposta Irpef per il figlio a suo carico.
    Non perderà nulla e le eventuali piccole differenze che si possono verificare durante l'anno verranno "corrette" sulla dichiarazione dei redditi dell'anno successivo (che nel suo caso sarà da presentare obbligatoriamente).

    RispondiElimina
  11. Ciao
    se ho solo reddito da lavoro dipendente, per reddito complessivo ai fini del calcolo della detrazione si intende il lordo, o l'imponibile IRPEF?
    Grazie

    RispondiElimina
  12. Buongiorno, volevo chiedere una delucidazione in merito alle detrazioni. Ho un reddito inferiore a 8000 euro annui ma ho lavorato solo 5 mesi. La detrazione spettante va rapportata al periodo lavorato? In che modo la calcolo (mesi, giorni, settimane o altro?). Grazie in anticipo per l'eventuale risposta. saluti.

    RispondiElimina
  13. Sto per iniziare un tirocinio retribuito con borsa lavoro; mi è stato chiesto di compilare il modulo per le detrazioni d'imposta. Dal momento che non ho reddito e sono a carico di mio padre,devo fare riferimento a lui per la dichiarazione del reddito e quindi per la compilazione dell'intero modulo?

    RispondiElimina
  14. Salve, dal mese scorso mi hanno aumentato di livello. Sulla prima busta paga (Mese di Dicembre),da quando ho ricevuto l'aumento, ho notato che vi sono più di 150 euro di differenza (sul netto) con la busta paga di un collega che ha lo stesso livello da qualche mese in più di me. So che sul netto posso esserci delle differenze dovute alle detrazioni ma entrambi non abbiamo altri redditi, non siamo sposati, non abbiamo figli, etc... come è possibile?
    Grazie

    RispondiElimina
  15. Gentilissimi a mia moglie che da giugno 2010 a due lavori partime ci siamo accorti che nella seconda ditta q una ritenuta irpef esagerata in piu' nella mensilita di dicembre si ritrova con una sorpresa amara; il suo compenso si riduce a 3 euro e normale tutto questo? . La sua ditta dice che con il 730 ci sara' una sanatoria ma intantanto chi ci paga il mutuo della casa .

    RispondiElimina
  16. Anche io appena iniziato ad avere due part time, nella dichiarazione per la detrazione d'imposta, ove indicare d'importo del reddito complessivo e' specificato: "il reddito complessivo del sottoscritto, sara' costituito, oltre che dal reddito corrisposto da codesta ditta, anche da altri redditi DIVERSI DAL LAVORO DIPENDENTE pari a €........" anche l'altro lavoro e' da dipendente... Com'è corretto procedere? Grazie

    RispondiElimina
  17. STO PER PRESENTARE LA DOMANDA ALL'INPS PER OTTENERE L'INDENNITA'DI DISOCCUPAZIONE CON REQUISITI RIDOTTI E VORREI SAPERE ALLLA DOMANDA SE VOGLIO USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI D'IMPOSTA PER IL LAVORO DIPENDENTE CHE COSA DEVO INDICARE E COSA CAMBIA IN TERMINI ECONOMICI SULL'ASSEGNO CHE L'INPS MI DARA'? GRAZIE. EZIO

    RispondiElimina
  18. salve. sono da poco ritornato in italia dopo 20 anni trascorsi in germania . Ho 3 figli residenti in germania ,posso fare lo stesso la domanda per l'assegno famigliare?

    RispondiElimina
  19. Salve, che cosa significa la dicitura :"...ma va riproporzionata secondo la durata dei contratti (espressa in giorni di calendario)."?
    Grazie

    RispondiElimina
  20. x Anonimo 24/12/2010
    Il reddito complessivo è la somma di tutti i redditi al lordo di ogni onere o detrazione; nel tuo caso è il solo reddito da lavoro dipendente

    RispondiElimina
  21. x Anonimo 4/1/2011
    La detrazione per lavoro dipendente annua va riproporzionata in base al numero di giorni solari di durata del contratto di lavoro.

    RispondiElimina
  22. x Anonimo 5/1/2011
    Il (poco) reddito derivante da tirocinio è comunque considerato reddito da lavoro dipendente, quindi la situazione reddituale a cui fare riferimento nella compilazione del modulo è la tua personale.

    RispondiElimina
  23. x Anonimo 12/1/2011
    Sono molte le variabili che possono influire sul calcolo dell'Irpef.
    Nel tuo caso, il mese di dicembre è caratterizzato dal conguaglio d'imposta cioè dal ricalcolo di tutta la tassazione dell'anno.
    A te è stata applicata una tassazione durante l'anno sicuramente diversa da quella del tuo collega di diverso livello fino a novembre.
    Questo potrebbe spiegare la differenza.

    RispondiElimina
  24. x Anonimo 14/1/2011
    Purtroppo il conguaglio fiscale di fine anno riserva a volte amare sorprese.
    Nel suo caso, se i calcoli effettuati dall'azienda sono corretti, non c'è nulla da fare e non ci sarà alcun rimborso sul 730 (a meno che non abbiate oneri da dichiarare).
    Qualora l'azienda abbia sbagliato i calcoli (improbabile ma possibile) avete il diritto di richiedere il ricalcolo del conguaglio fiscale entro il 28 febbraio.
    Per evitare questo problema l'anno prossimo è importante dichiarare ad ogni datore di lavoro il reddito presunto che si percepirà nell'anno dall'altra attività lavorativa; la tassazione mensile sarà un po' più alta, ma si evitano problemi di conguaglio.

    RispondiElimina
  25. x Anonimo 17/1/2011
    La risposta precedente dovrebbe fare anche al caso tuo.
    Indica sul modulo (anche a penna) che è un reddito da lavoro dipendente.

    RispondiElimina
  26. x Anonimo 24/1/2011
    L'indennità di disoccupazione è considerata a tutti gli effetti reddito da lavoro dipendente quindi tutte le considerazioni fatte in questa pagina valgono anche nel tuo caso.

    RispondiElimina
  27. x tommyfr
    Sì a patto che nessuno nella tua famiglia percepisca già assegni familiari (indipendentemente dal nome che gli viene dato) all'estero

    RispondiElimina
  28. x Anonimo 31/1/2011
    Vedi la risposta ad Anonimo 4/1/2011 poco più sopra

    RispondiElimina
  29. Salve, scusate forse la domanda inutile, ma sono in crisi...

    non esiste un tetto massimo di detrazione di imposta?
    mi spiego meglio.....
    Per il mese di dicembre il mio stipendio è stato di 1100€ lordi, ma mi sono stati versati 292 €...
    questo perchè, oltre alla quota mensile di 200€ per la creazione di una cooperativa, il resto della differenza sono tutte tasse-conguaglio di dicembre.
    Ma è possibile, o sindacalmente accettabile, versare nemmeno 1/4 dello stipendio?
    non c'è un limite massimo di tasse applicabili, e poi spalmabili negli altri mesi successivi?

    grazie

    RispondiElimina
  30. Siamo 2 lavoratori dipendenti, ma il mio reddito è circa il doppio di quello di mia moglie. Abbiamo 2 figli minori e abbiamo sempre fatto detrazioni al 50 % ciascuno: va bene, o è meglio che mi prenda il 100 % io che ho il reddito più alto?
    Grazie mille per la risposta.

    RispondiElimina
  31. lavorando part time 20 ore settimanali le detrazioni per figli a carico vanno calcolate su 800 euro o sulla metà

    RispondiElimina
  32. no ho nessuno a carico, ho come reddito solo quello x lavoro dipendente presso la stessa ditta, ho la casa di proprietà, come devo compilare il modulo x le detrazioni ?? dove prendo i valori?

    RispondiElimina
  33. salve,ho un contratto part time con un ru inferiore a 9000,00€/annuo. ,non sono coniugata ma convivo ed abbiamo un bambino di 3 anni di eta'.vorrei sapere se nella convivenza il bambino va cmq dichiarato a carico del genitore con reddito superiore ;inoltre chi dei due genitori deve richiedere l'assegno familiare?grazie

    RispondiElimina
  34. MA la base imponibile ai fini irpef è diversa da quella per il calcolo della detrazione da lavoro dipendente?
    Secondo la mia busta paga l'imponibile irpef è data dal reddito complessivo meno i vari oneri, mentre mi pare di capire che per le detrazioni da lavoro dipendente si consideri tutto il reddito (al lordo degli oneri), E' corretto??

    RispondiElimina
  35. Buongiorno,
    io ho vari contratti a progetto con alcune ditte, volevo chiedere se devo dichiarare a "tutte" di aver diritto alla detrazioni: per figlio a carico e per lavoro dipendente o assimilato. Devo inoltre specificare ad ognuna una somma presunta di reddito? Nel CUD ci pensano loro al calcolo dei gg lavorati?
    Grazie sin d'ora per la cortesia.

    RispondiElimina
  36. Buongiorno,
    ho svolto un tirocinio formativo (con rimborso spese) di sei mesi da aprile a settembre 2010, al termine del quale ho firmato un tempo determinato di un anno nella stessa azienda.
    1) è normale che il famigeraato conguaglio di fine anno consideri anche il tirocinio per il calcolo dell'irpef non versata?
    2) tra la b.paga di ott2010 e gen2011 leggo valori di det.lav.dip. diversi a pari imponibile, anche questo è normale?
    Grazie per le delucidazioni

    RispondiElimina
  37. Alfredo.
    Buongiorno! Nel'IRPEF di un lavoratore dipendente, influisce l'assegno sociale dei suoi genitori che il lavoratore ha a suo carico?
    Grazie.

    RispondiElimina
  38. Salve a tutti,
    Scusate la mia ignoranza in materia, da qualche settimana mi sono cimentato a comprendere la mia busta paga, cioè capire tutte le diciture e tutte quei calcoli che servono per determinare il mio stipendio.
    Infatti, volevo porvi alcune domande, prendendo come esempio la mia busta paga del mese di gennaio 2011:
    1 - cosa s’intende “ imponibile contributivo mese ”, come si calcola e di dove deriva e il parametro di riferimento, é redito lordo annuo del 2010, per calcola la busta paga 2011 ?
    2 - cosa s’intende “ imponibile fiscale netto mese ” come si calcola e di dove deriva ecc…?

    Grazie a presto.

    RispondiElimina
  39. Salve,
    devo percepire una borsa lavoro: se questa è assimilata a lavoro dipendente, come si deve calcolare la detrazione per lavoro dipendente, visto che non copre l'intero anno?
    Grazie

    RispondiElimina
  40. se a partire dal 2011 decido di volere le drterazioni da lavoro dipendente in busta paga, a differenza degli anni precedenti in cui mi venivano calcolate solo in fase di dichiaraizone dei redditi, non dovrei avere un aumentno del netto in busta paga? così mi era stato detto...

    RispondiElimina
  41. x Luca
    Tecnicamente, hai ricevuto più soldi del dovuto durante l'anno e quindi a dicembre devi restituire quanto indebitamente percepito.
    Per l'anno prossimo ti consiglio di verificare con attenzione le trattenute che ti vengono fatte mese per mese e controllare che siano adeguate al tuo reddito reale.

    RispondiElimina
  42. x Anonimo 17/2/2011
    Se entrambi riuscite a percepire tutte le detrazioni spettanti (in altre parole se pagate ancora qualcosa di Irpef) va bene così.

    RispondiElimina
  43. x Anonimo 17/2/2011
    Le detrazioni vanno calcolate sul reddito complessivo, a prescindere dall'orario di lavoro.

    RispondiElimina
  44. x luca
    devi dichiarare solo che vuoi le detrazioni per lavoro dipendente ed il reddito della casa

    RispondiElimina
  45. x Anonimo 21/2/2011
    Il figlio è di entrambi i genitori a prescindere dal rapporto che c'è fra di loro.
    Quindi le detrazioni d'imposta spettano ad entrambi.
    Per quanto riguarda gli assegni familiari il nucleo comprende solo un genitore ed il figlio ed è necessario richiedere l'apposita autorizzazione all'Inps.

    RispondiElimina
  46. x Anonimo 22/2/2011
    Sì è corretto

    RispondiElimina
  47. Buongiorno,
    volevo una delucidazione sulla questione della soglia di 5000 euro per le collaborazioni occasionali.
    Questa soglia non si può superare tra tutte le collaborazioni annuali oppure è una soglia realtiva ad ogni collaborazione?
    Non so se sono stato chiaro... spero di si.
    Grazie.

    RispondiElimina
  48. x Anonimo 24/2/2011
    Ad ogni ditta va dichiarata la situazione fiscale ed il reddito presunto al fine di ottimizzare le trattenute fiscali durante l'anno.
    Solo in casi poco frequenti può essere utile non richiedere le detrazioni fiscali ad una o più ditte (ad esempio se c'è un contratto molto grosso ed alcuni contratti piccoli).
    Va comunque presentata la dichiarazione dei redditi ed i giorni di detrazione annui non possono essere superiori a 365.

    RispondiElimina
  49. x Anonimo 27/2/2011
    1) Il reddito di tirocinio è considerato reddito da lavoro dipendente quindi rientra nel conguaglio di fine anno.
    2) All'interno dell'anno le detrazioni sono calcolate sul reddito annuo presunto e non su quello mensile effettivo.

    RispondiElimina
  50. x AL
    Il reddito è personale, quindi non è mai influenzato da quello dei familiari a carico.
    Tuttavia il reddito percepito dai familiari determina se questi sono effetivamente a carico o no.
    Per ulteriori delucidazioni vai alla pagina delle detrazioni dei familiari a carico.

    RispondiElimina
  51. x Anonimo 2/3/2011
    Per capire cosa c'è scritto sulla busta paga ed il significato delle voci che ci sono, ti consigliamo la lettura del libro "Busta paga facile" scritto proprio per permettere a tutti di imparare a leggere la propria busta paga.
    Puoi acquistarlo cliccando sulla copertina in alto a destra in questa pagina.

    RispondiElimina
  52. x Anonimo 3/3/2011
    I giorni di detrazione per lavoro dipendente sono pari ai giorni solari di durata del contratto.

    RispondiElimina
  53. x Anonimo 4/3/2011
    In teoria sì, in pratica bisogna vedere come vengono calcolate le detrazioni, quale aliquota viene applicata e qual è il reddito di riferimento annuo presunto.

    RispondiElimina
  54. Complimenti innanzitutto per il blog!

    Percepisco 3 stipendi: 600+300+400 (netti).

    Il commercialista di una delle 3 aziende mi ha consigliato di chiedere le detrazioni in busta x la sua xkè andrei a pagare altrimenti, nel 2012, un sacco di tasse tutte insieme... E' corretto?
    Inoltre mi stavo domandando se, facendo il 730, cmq non ho da scaricare? L'anno scorso (nella denuncia dell'anno scorso x es avevo una situazione lavorativa molto scarsa rispetto ad ora ma cmq è risultato che dovevo avere soldi dallo stato...)
    Grazie infinite!!

    RispondiElimina
  55. salve vorrei un chiarimento nella detassazione oltre il premio di produzione dovrebbero entrare anche i rol pagati a fine anno perche' non utilizzati e le 32 ore di festivita' soppresse, se questi non vengono evidenziati sul cud perche'il consulente non li ha voluti inserire,come fare per recuperarli, visto che hanno inserito solo i premi per gli anni 2^ semestre2008-anno 2009-anno 2010

    RispondiElimina
  56. x Anonimo 11/3/11
    La soglia dei 5.000 euro si riferisce alla singola collaborazione occasionale, cioè oltre i 5.000 non può più essere considerata "occasionale".
    Inoltre l'Inps richiede il pagamento dei contributi alla gestione separata se la somma di tutti i compensi da collaborazione occasionale nell'anno (da più committenti) supera i 5.000 euro.

    RispondiElimina
  57. x Anonimo 24/3/11
    Il rischio è quello di avere un conguaglio 730 molto negativo nel caso si usufruiscano di "troppe" detrazioni durante l'anno.
    Il consiglio del Commercialista che ha sotto controllo la sua situazione è sicuramente affidabile.

    RispondiElimina
  58. x Anonimo 25/3/11
    La detassazione fino al 2010 è prevista solo sulle cifre che il datore di lavoro indica sul Cud in quanto ritiene di averle erogate a fornte di incrementi di produttività ed efficienza organizzativa.
    Se non sono indicate sul Cud non c'è nulla da fare.
    La normativa è cambiata dal 2011.

    RispondiElimina
  59. Da aprile 2013 oltre al reddito da lavoro dipendente ho anche un reddito da lavoro autonomo (ma non posseggo immobili o altri redditi). Ho due figli di 3 anni e mezzo e 4 mesi che ho fatto risultare a mio carico al 100%. Ora devo compilare il modulo per le detrazioni di imposta: fa fede il mio solo reddito da lavoro dipendente?

    RispondiElimina
  60. No va indicato il reddito complessivo al netto di quello dell'abitazione principale

    RispondiElimina

Puoi lasciare un commento o una richiesta, ma ti ricordiamo che gli autori di questo blog non rispondono MAI a domande personali, in quanto preferiscono invitarti a rivolgerti di persona ad un Consulente del Lavoro che possa valutare la tua specifica situazione ed i documenti in tuo possesso.